Privacy

Il Codice della Privacy, entrato in vigore il 1 gennaio 2004, prevede l’obbligo per le aziende, gli studi professionali, le cooperative, le associazioni, gli enti pubblici e le strutture sanitarie che trattano dati personali di clienti, pazienti, dipendenti ecc, di adottare minime ed adeguate misure di sicurezza per garantire la tutela dell’integrità e della riservatezza dei dati, sia sottoforma di documento cartaceo che informatico, in tutte le fasi del trattamento: raccolta, registrazione, correzione, trasmissione, distruzione.

La tutela di queste informazioni avviene tramite: misure fisiche (limitazione degli accessi ai locali, protezione delle aree, archiviazione della documentazione cartacea in locali non accessibili), misure logiche (implementazione della sicurezza informatica, antivirus, sistema di passwords) e misure  organizzative (definizione di un organigramma aziendale in ambito del trattamento dei dati, nomine degli incaricati, sensibilizzazione del personale e dei collaboratori, procedure da seguire…).

Nel 2012 Il Governo, con il decreto “semplifica Italia”, ha introdotto un’importante novità in materia di dati personali: l’eliminazione del Documento Programmatico Sulla Sicurezza per la privacy.

Ciò però non significa cancellare di colpo tutti gli adempimenti finora obbligatori in materia di privacy e tutela dei dati personali, ma solo alleggerire le modalità di osservanza di tali obblighi. Resteranno infatti in vigore tutte le altre disposizioni previste dal Codice.

Il Parlamento Europeo sta già studiando l’introduzione di un nuovo regolamento, che non appena approvato sarà obbligatorio in tutti i paesi dell’Unione Europea, che avrà un approccio molto più concreto (e corposo) dal punto di vista organizzativo e operativo rispetto al DPSS e più in generale sulla privacy.

Il nostro Studio propone consulenza in materia di privacy finalizzata al controllo degli adempimenti richiesti alle aziende e della corretta applicazione degli obblighi vigenti in materia di privacy.