Ergonomia

SBAS: Sovraccarico Biomeccanico Arti Superiori – metodo RULA.

Le malattie da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori sono largamente diffuse, generalmente imputabili ad alterazioni locali o generali, ma anche a condizioni “fisiologiche” quali l’età ed il sesso, nonché a sollecitazioni ripetute che si possono verificare in tantissime attività quotidiane, tra le quali si possono includere anche quelle lavorative.

Il rischio, nell’ambito lavorativo, si identifica nell’interazione di quattro fattori principali:

  • la ripetitività (numero di azioni al minuto, in rapporto all’intero turno lavorativo)
  • l’impegno di forza
  • la postura e i gesti svolti durante la lavorazione
  • gli inadeguati periodi di recupero.

Ad essi possono aggiungersi eventualmente fattori complementari (microclima sfavorevole, uso di D.P.I. non idonei, contraccolpi e movimenti bruschi, compressioni localizzate) con effetto di amplificazione del rischio.

Per poter procedere alla valutazione dell’indice di esposizione a tale rischio degli arti superiori, lo Studio S@S utilizza il metodo RULA (Rapid Upper Limb Assessment), al fine di valutare l’esposizione dei lavoratori ai fattori di rischio che possano generare traumi negli arti superiori del corpo: posture, ripetitività dei movimenti, forza applicata, attività statica del sistema muscoloscheletrico.