Lavoratori

LAVORATORE

Persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un’attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un’arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari (sono compresi i lavoratori atipici quali: interinali, a chiamata, ecc..)

La formazione dei lavoratori, definita dal D.Lgs 81/08 art. 37 e dall’Accordo Stato/Regioni del 21/12/2011, è suddivisa in due moduli: un modulo di formazione generale della durata di 4 ore uguale per tutti i settori di attività) ed un modulo di formazione specifica della durata di 4, 8 o 12 ore in relazione al settore di rischio (identificabile in funzione del codice Ateco di appartenenza).

L’aggiornamento della durata di 6 ore è quinquennale.

I lavoratori mai formati sono tenuti a seguire il prima possibile il corso di formazione, mentre i lavoratori neo assunti devono iniziare il percorso formativo prima o contestualmente all’assunzione, da completare entro 60 giorni.

In seguito ad una variazione di mansione con aumento di rischio, per i lavoratori neo assunti e non ma già formati, è necessario seguire un corso di formazione integrativo per il nuovo settore di rischio (se superiore al precedente) entro 60 giorni dall’assunzione o dal cambio mansione.

Non sono tenuti a seguire il corso i lavoratori già formati al 11/02/2012 nel rispetto delle previsioni normative, e chi, entro il 26/01/2013, parteciperà a corsi “formalmente e documentalmente approvati” al 26/01/2012 e rispettosi delle previsioni normative e delle indicazioni previste nei contratti collettivi.

A prescindere dal settore di appartenenza, i lavoratori che svolgano mansioni che non comportino la loro presenza, anche saltuaria, nei reparti produttivi (ad esempio impiegati), possono frequentare i corsi per il rischio basso.